Indietro

Orso sedato e morto ma l'anestetico non c'entra

Sono stati eseguiti in Toscana gli esami sull'animale morto durante la cattura nel Parco nazionale d'Abruzzo. Pochi gli esemplari rimasti

GROSSETO — L'orso marsicano morto nella notte tra mercoledì e giovedì nel Parco Nazionale d'Abruzzo durante le operazioni di cattura non è stato ucciso dall'anestetico. Lo ha reso l'ente Parco dopo l'esame anatomopatologico che è stato effettuato nella sede di Grosseto dell'Istituto Zooprofilattici di Lazio e Toscana. 

L'esame, si legge in una nota, "ha evidenziato un quadro complesso e critico a carico dell'apparato respiratorio e dell'apparato digerente. L'animale aveva problemi sanitari gravi, non valutabili dall'esame clinico al momento della cattura, che hanno determinato l'emergenza anestesiologica e di conseguenza il decesso". Insomma era malato e questo, secondo l'ente Parco, avvalora "la correttezza e la regolarità delle procedure messe in atto dal personale del Parco e del veterinario in particolare". 

Ora sarà necessario effettuare gli accertamenti necessari a capire di cosa soffrisse il povero animale.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it