Indietro

Le regole per l'autoproduzione di energia

La rappresentanza maremmana che ha preso parte alla manifestazione a Roma rilancia il manifesto per abbattere le emissioni

GROSSETO — Tra le 20mila persone che hanno manifestato la scorsa domenica a Roma a favore della pace e dei cambiamenti climatici era anche rappresentata la Maremma. 

La marcia, partita nel primo pomeriggio da Campo dei fiori e terminata in via dei Fori imperiali, è stata anche un grido per chiedere non solo l’abbattimento delle emissioni ma anche una svolta decisa e concreta verso la diffusione delle energie rinnovabili. 

In questa direzione va il Manifesto per l’autoproduzione da fonti rinnovabili fatto da Legambiente, che sta trovando l’adesione di molti comuni in tutta Italia. Nella provincia di Grosseto hanno aderito i seguenti comuni: Montieri, Civitella Paganico, Castiglione della Pescaia, Scarlino, Grosseto e Capalbio.

“La manifestazione di domenica scorsa a Roma – ha spiegato Angelo Gentili, della segreteria nazionale di Legambiente -, insieme a tutte le altre realizzate in moltissime città del mondo, dimostra la volontà di una chiara svolta nell’abbattimento delle emissioni climalteranti per la diffusione delle energie rinnovabili e per l’efficienza energetica per salvare il pianeta e arrestare il surriscaldamento climatico. Tutto questo dipende dalle scelte che i governi faranno nel summit di Parigi, ma anche dai nostri comportamenti personali. La Maremma può divenire un distretto territoriale in grado di puntare su efficienza energetica, rinnovabili, filiera corta in agricoltura e conservazione ambientale”.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it