Indietro

Licenziamenti a Scarlino, si apre uno spiraglio

Unità di crisi della Regione Toscana per salvare i posti di lavoro dopo i quattro licenziamenti al porto. I sindacati hanno fermato le mobilitazioni

GROSSETO — Sindacati fermi, almeno per ora, in attesa di sapere se si sbloccherà o meno la situazione dei quattro lavoratori licenziati nelle aziende che lavorano nel porto turistico di Scarlino. 

La volontà di salvare i posti di lavoro è emersa nell'incontro convocato dall'unità di crisi della Regione Toscana a cui hanno partecipato il sindaco di Scarlino Marcello Stella, i rappresentanti delle aziende Baia Resort, La Marina srl e della concessionaria per la gestione dei servizi del porto Promomar insieme alle organizzazioni sindacali Cgil e Filcams.

L'accordo a cui si è giunti, al termine del vertice, prevede il recupero dei lavoratori attraverso contratti a tempo indeterminato il cui orario di lavoro sia caibrato sul carattere stagionale delle attività.


Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it